Ricerca personalizzata

Le origini della razza dei Cocker Inglesi

Le origini del cocker sono quelle del gruppo dei cani denominati "spaniel". La ricerca delle origini degli spaniel parte dal loro nome, testimoniato in un libro del XV secolo, intitolato "Le Livre de Chasse di Gaston Phoebus", il quale conferma che in Britannia venivano chiamati spaniel i cani da caccia "addestrati a cercare e a levare la selvaggina per il falco".

Il richiamo geografico alla Spagna è immediato, ma in Spagna la ricerca nel tempo si ferma al bracco d'oysel, un bracco da quaglie che con il tempo si è diffuso in Francia, Germania e Inghilterra. Alcuni, invece, hanno associato al bracco da quaglie una probabile origine asiatica, testimoniata da un'incisione che rappresentava un cane simile trovata su una gemma appartenuta a Filippo II il Macedone; altre ricerche fatte in Spagna han

Lo studioso tedesco Tschudy riporta che "Le leggi tedesche del 700 d.C. disapprovano il fatto che questi cani venissero adoperati nella caccia al falco".Grazie a fonti certe oggi si può capire che: dalla Macedonia attraverso il mare, dalla Germania verso l' Europa centrale, dalla Francia o dalla Spagna, i progenitori degli spaniel devono sicuramente essere giunti nelle isole britanniche già da prima del 1400.

Intorno al 1570 il dottor Cains, professore universitario e medico alla corte Inglese, propose una primaria classificazione basata sul tipo di lavoro effettuato come aiutanti nella caccia dagli spaniel presenti nella regione britannica, chiamando land spaniel quelli che lavoravano a terra e water spaniel quelli più legati al lavoro in acqua. Con il passare del tempo, altri autori divisero i land spaniel in pointing spaniel e in springing spaniel (che cercavano con fervore la selvaggina): questi ultimi vennero poi divisi in gruppi a seconda della taglia, chiamando i più piccoli cocking spaniel. Poteva però succedere che in una stessa cucciolata venissero partoriti cuccioli di taglia diversa.

Nel Novecento la cinofilia anglosassone cercò di dividere ancora più dettagliatamente la classificazione dei cani introducendo una categoria più legata al tipo morfologico e attitudinale che non alle dimensioni. Il Cocker così come lo conosciamo oggi è il risultato di una selezione di allevamento iniziata sin dalla fine del secolo scorso.

La storia moderna degli spaniel è caratterizzata da una data di fondamentale importanza, il 1879, cioè l'anno in cui nacque Obo.

Obo, un cucciolo di colore nero che, pur essendo più piccolo dei cocker che conosciamo oggi, segnò nel profondo la storia della razza sia per la sua tipicità sia per le sue qualità genetiche. I suoi figli figurano in più della metà dei pedigree dei venti anni successivi sia negli Stati Uniti che in Gran Bretagna.

Obo fu una tappa importante per la definizione della razza, che nel 1893 venne riconosciuta dal Kennel Club inglese con il nome di "cocker spaniel ingleseCocker Spaniel Inglese nero: Obo". In quegli anni la cinofilia moderna era ancora lenta e impacciata e la decisione che una razza esisteva non voleva intendere che tutti concordassero e che tantomeno avessero le idee chiare sul tipo esatto che l'avrebbe caratterizzata. Per capire che cosa fosse precisamente il "tipo"ci fu bisogno di aspettare ancora dieci anni prima della nascita del primo Cocker Spaniel Club (nel 1902), che però si mise subito al lavoro per istituire il primo standard ufficiale, basato sul tipo, che e ancora oggi valido nelle sue parti fondamentali.

Nel corso degli anni si sono verificati molti cambiamenti e miglioramenti nella razza. Basta paragonare le fotografie scattate cinquanta anni fa con quelle di oggi, tali mutamenti sono evidenti. Il pregio più importante dei cani di oggi è che il "tipo" risulta molto più omogeneo. I mantelli presentano più frange, i tronchi sono più raccolti e l'insieme nel complesso più armonico.

L'etimologia della parola deriva da 'woodcock' ovvero 'beccaccia' il selvatico su cui i cani venivano impiegati.

Cocker Spaniel Inglese: Origini Razza

Leggete la storia di questa razza di cani